La catalogazione

L’attività di Catalogazione, operazione conoscitiva del patrimonio culturale indispensabile per ogni organica azione di tutela, è condotta dalla Soprintendenza  Belle  arti  e paesaggio per il Comune di Roma secondo tre fondamentali linee di azione:

  • integrazione della schedatura esistente degli edifici ricadenti nei Rioni storici (concernente in genere gli edifici già vincolati) in modo da pervenire ad una ricognizione sistematica, isolato per isolato dell’intero centro storico (si sta per concludere la catalogazione integrale del Rione Parione);
  • conoscenza dell’architettura “moderna”, finalizzata all’individuazione delle realizzazioni qualitativamente significative prevalentemente localizzate negli ambiti urbanizzati nei primi anni Quaranta del Novecento;
  • censimento dei manufatti storici della Campagna Romana (torri e complessi fortificati medievali, casali, chiese e cappelle, ecc.), i più esposti al rischio di incongrue trasformazioni specie nelle aree interessate da nuove espansioni urbane.
    L’Archivio dell’Ufficio Catalogo dispone attualmente di circa 2400 schede di catalogo di tipo inventariale, realizzate in formato digitale su tracciato messo a punto dall’I.C.C.D. (Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione), e sta predisponendo le attrezzature necessarie per il collegamento al S.I.GE.C. (Sistema Informativo Generale del Catalogo), che consentirà la georeferenziazione dei beni e l’immissione della banca dati in rete.


Responsabile:
arch. Elvira CAJANO
elvira.cajano@beniculturali.it
06 6723 3646